Il 2013 inizia sotto i migliori auspici: Milano la migliore d’Europa, spread sotto quota Monti

02/01/2013 18:02 – WS

Il 2013 è cominciato sotto i migliori auspici per le Borse europee grazie all’accordo definitivo tra Repubblicani e Democratici per evitare il “precipizio fiscale”.

Il rialzo è stato corale. In Europa, a Francoforte il Dax guadagna il 2,2% e fa segnare i nuovi massimi dal gennaio 2008 a quota 7.778 punti. Parigi ha guadagnato +2,6% registrando i nuovi massimi dal luglio 2011, Madrid è salita del +3,4% sui top da marzo, Londra +2,3%.

Milano è stata la migliore del Vecchio Continente con l’indice FtseMib in rialzo 3,8% a 16.893 punti, valore che non vedeva dal 27 marzo 2012. A stimolare gli acquisti ha contribuito anche il dato sull’indice PMI manifattura di dicembre, salito a quota 46,7, massimo dal marzo 2012, contro attese a 45,3.

Lo spread Btp/Bund decennale si è ridotto di 34 punti base a quota 282 (minimo da marzo) per un rendimento del Btp 10 anni che cade al 4,26%, livello che non si vedeva dal novembre 2010.

Lo spread scende sotto la quota fatidica indicata come obiettivo dal premier uscente Mario Monti di 287 punti base, corrispondente al dimezzamento rispetto a quanto trovato nel giorno dell’insediamento del suo esecutivo (574).

Oggi non erano in agenda aste di bond periferici. Francoforte ha piazzato bond a 2 anni (i cosiddetti Schatz) ad un rendimento positivo dello 0,01% dal -0,01% dell’asta precedente di inizio dicembre. La notizia ha fatto rimbalzare il rendimento sul mercato secondario allo 0,031%, massimo dall’11 dicembre scorso.

Ormai, a resistere in territorio negativo restano solo i bond biennali di Svizzera (-0,32%) e Danimarca (-0,15%).

Le vendite hanno colpito anche il bund decennale tedesco che ha chiuso a quota 144 da 145,6 di lunedì scorso. L’oro, altro bene rifugio per eccellenza, sale dell’1% a 1.690 dollari l’oncia.

In Europa hanno brillato Nokia (NOK1V.HE) +6,8%, Inditex (ITX.MC) +3,9% e Volkswagen (VOW3.EQ) +4,07%.

Al di là dell’Oceano prosegue in rialzo Wall Street con l’S&P500 in guadagno dell’1,8%, corre il Nasdaq +2,3%. Buoni i dati macro usa con l’Ism manifatturiero di dicembre salito a 50,7 punti sopra le attese di 50,5 punti.

Tutte le 40 blue chip di Piazza Affari hanno terminato la seduta in deciso rialzo, in particolare le banche: Unicredit (UCG.MI) ha guadagnato il 3,9%, Intesa (ISP.MI) +5,7%, Pop. Milano (PMI.MI) +2,9%, B. Pop. Emilia Romagna (BPE.MI) +6,3%, Monte Paschi (BMPS.MI) +3,5%, Mediobanca (MB.MI) +4,4%.

Hanno brillato anche i titoli del risparmio gestito: Mediolanum +3,2%, Azimut (AZM.MI) +3,2%, Banca Generali (BGN.MI) +1,6%.

Tra gli assicurativi, Generali (G.MI) +4,8%, Fondiaria Sai (FSA.MI) +3,4%, Cattolica (CASS.MI) +9%.

Positiva Impregilo (IPG.MI) +2,2%, Il Sole 24 Ore riporta in auge le ipotesi di un’OPA sul titolo. Inviato un WEBSIM SMS ALERT prima dell’apertura della Borsa.

Fra i titoli industriali, Fiat (F.MI) è salita del 2,6%, Finmeccanica (FNC.MI) +3,4%, StM (STM.MI) +4,6%.

Guadagni anche nel settore energia: Saipem (SPM.MI) +4,5%, Eni (ENI.MI) +3,5%. Il Brent sale dell’1,2% a 112,39 dollari il barile.

Enel (ENEL.MI) +3,8%, A2A (A2A.MI) +5,7%.

Telecom Italia (TIT.MI) ha guadagnato il 2,7%, Mediaset (MS.MI) +5,7%.

Fanalini di coda, si fa per dire, tra le blue chip sono Parmalat (PLT.MI) +1,2% e Terna (TRN.MI) +1,4%.

In controtendenza Sias (SIS.MI) -4,8% dopo le indicazioni negative emerse dagli adeguamenti tariffari.

www.websim.it

How to Hedge Against Greek Contagion

by Alexander Green, Investment U Chief Investment Strategist
Monday, October 1, 2012
Alexander Green

As I walked out of the Hassler Hotel in Rome last week, a man in a business suit walked briskly by, surrounded by a security detail. It was Antonis Samaras, the new Greek Prime Minister, who was in town to meet with Italy’s Premier Mario Monti.

Samaras is a man with his hands full. And his problems may be coming to your doorstep. Here’s why… and what you might want to do to protect and enhance your hard-earned investment capital.

You probably saw the images last week of 50,000 protestors in Athens, some wearing helmets and gas masks and heaving firebombs at police. Demonstrations and violence also erupted in Spain.

The grievances in both countries were the same. Times are tough and Spaniards and Greeks don’t like the new austerity measures being imposed on them as a condition of remaining in the Eurozone.

However, there are fiscal crises brewing not just in the European Monetary Union, but in Great Britain, Japan, Canada and the United States, as well.

All over the Western world, politicians have made promises they can’t possibly keep – and have national debt crises to show for it. Yet most Americans still don’t understand how serious the problem is. Yes, we’ve all heard about our metastasizing $16-trillion national debt. But few are aware that there’s another $120 trillion in unfunded liabilities for Social Security, Medicare and Medicaid. To put this in perspective, the current liability for these programs alone comes to more than $1.05 million per taxpayer.

Some believe we’ll eventually come together as a nation and tackle this problem. But I wonder. Obama has promised not to raise taxes on anyone making less than $250,000. (And raising the top marginal rate to 39.6%, according to the Congressional Budget Office, would raise only $60 billion. Last year’s deficit alone was roughly $1.5 trillion.) Joe Biden has given his personal guarantee (whatever that’s worth) that Social Security will not be changed. And neither major party is talking seriously about reforming entitlements. (Even Paul Ryan’s plan is too little, too late.)

The reason for politicians’ reluctance is obvious. Look at Greece. Voters are in no mood to hear that they are likely to get less government assistance. You can talk all you want about the unsustainability of these programs, which – in their current form – are certain to be undone by time and arithmetic. Likewise, you can talk all you want about personal responsibility, fiscal sanity, constitutional government or freedom and opportunity. Most voters will have none of it. They want their government checks. End of story.

For our entire lives, we have heard Western politicians tell us what they are going to do for us. It remains to be seen whether they can get elected (or re-elected) telling us what they are going to take away, either in the form of higher taxes or less entitlements. I am skeptical whether most Western voters are ready to have an adult conversation. (I refer you again to Greece and Spain.)

However, if governments can’t rein in the spending, the fallout in the financial markets is going to be very ugly. It’s not just the longtime gloom-and-doomers who recognize this. In an August 11 article in The New York Times, Vanguard Founder John Bogle – as mainstream an analyst as mainstream gets – worried aloud about “the risk of a black-swan event – of something unlikely but apocalyptic.”

Constructing An “End-of-the-World Portfolio”

If you’re worried about such an eventuality, what should you do? First off, don’t make immediate, wholesale changes to your investments. My goal is not to scare the pants off you, but to make you consider the unthinkable. I also want to detail one way you could hedge against it with, for instance, an “End-of-the-World Portfolio,” which I’ve written about here before.

Here’s how it could be structured:

  • Put 40% of your liquid portfolio in a laddered portfolio of AAA-insured tax-free bonds. (Be sure to buy state-specific bonds if you’re in a high tax state.) Laddering means varying your portfolio between short-, medium- and longer-term bonds. This is your protection against deflation and the virtual certainty of higher taxes.
  • Put 40% in a laddered portfolio of inflation-adjusted Treasuries, also AAA-rated. (For tax reasons, these are best owned in your retirement account.) This is your protection against inflation, as central banks might opt to spend us out of a crisis and argue that “temporary” hyperinflation is preferable to national bankruptcy.
  • Put 20% in defensive, blue-chip, dividend-paying stocks. I’m referring to food companies, healthcare companies, utilities, defense contractors, gold mining companies and the like. This should provide some growth and income. Why include stocks at all? Because 200 years of history shows that an 80/20 split between stocks and bonds is actually less risky than a 100% bond portfolio. And, remember, you need to hedge for prosperity, as well.

Bear in mind, I’m not calling for the end of the world… yet. I’m only pointing out a possibility, however remote. What the odds are, no one knows.

But as investment legend Peter Lynch used to say, “If you’re gonna panic, do it early.”

Good Investing,

Alex

MONETARIO – Cosa succede oggi martedì 4 settembre

* Al termine del consiglio di politica monetaria, Reserve Bank of Australia ha stabilito di confermare i tassi riferimento sull’attuale 3,5%, in linea con le aspettative dei mercati finanziari e degli analisti. Secondo la banca centrale australianail quadro economico mondiale si è deteriorato.

* Attenzione al debutto dei mercati finanziari, reduci dall’inatteso rally innescato nel tardo pomeriggio di ieri dalle parole di Mario Draghi, secondo cui la sottoscrizione di titoli di Statodella scadenza fino a tre anni da parte della Bce non equivale ad aiuti pubblici. (news)
Riferite da parlamentari Ue e da una fonte che ha partecipato alla testimonianza a porte chiuse di ieri a Bruxelles, le dichiarazioni del banchierecentrale hanno favorito una nuova marcata ‘apertura’ al rischio, determinando un deciso irripidimento della curva dei rendimenti e un netto recupero della ‘periferia’ europea rispetto al Bund tedesco.

* Prosegue e si infittisce la trama dellasaga europea: il titolare dell’Eliseo è a Roma per un incontro con Mario Monti, mentre a Francoforte intervengono a un convegno sul settore bancario il ministro delle Finanze tedesco e il consigliere esecutivo Bce Joerg Asmussen.

A Berlino, ilpresidente del consiglio europeo Herman Van Rompuy vede in tarda mattinata Angela Merkel.

Intervenuto ieri su uno dei temi maggiormente al centro delle preoccupazioni dei mercati finanziari, Wolfgang Schaeuble si è detto fiducioso che la cortecostituzionale di Karlsruhe si pronunci positivamente sul fondo di salvataggio della zona euro Esm il 12 settembre prossimo. (news)

* Sul tema della supervisione del sistema bancario è intervenuto ieri il commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn, sostenendo che la vigilanza andrebbe interamente affidata alla Bce a differenza della posizione del ministro tedesco, secondo cui Francoforte dovrebbe controllare soltanto gli istituti di importanza ‘sistemica’. Sempre secondo Schaeuble, la nuova autorità europea per la supervisione del sistema bancario non sarà certamente messa a punto entro il primo gennaio prossimo.

Qualora alla Bce fosse conferita la vigilanza sul sistema bancario, aggiunge ilministro tedesco, sarebbe comunque necessaria una riorganizzazione in modo da garantire l’autonomia della politica monetaria.

* Moody’s ha rivisto da ‘stabile’ a ‘negativo’ l’outlook sul rating – confermato ieri – di tripla ‘A’ dell’Unioneeuropea. A luglio l’agenzia ha portato a negativo l’outlook sul rating ‘Aaa’ di Germania, Olanda e Lussemburgo.

* Sul fronte macro, le indagini congiunturali Pmi duffuse ieri parlano di un deterioramento più marcato delle attese nel clima di fiducia del settore manifatturiero ad agosto.

* Negli ultimi scambi sulla piattaforma asiatica la valuta unica si mantiene in prossimità del record degli ultimi due mesi contro dollaro, premiato dalla prospettiva di interventi Bce sulla parte breve della curva. Intorno alle 7,30 euro/dollaro <EUR=> a 1,2608/12 da 1,2593, dollaro/yen <JPY=> a 78,36/44 da 78,23 ed euro/yen <EURJPY=> a 98,83/88 da 98,52.

* Derivati sul greggio in positivo sul finale della seduta asiatica, con i futures Brent intorno ai 116 dollari il barile grazie alla scommessa su nuove misure espansive da parte della Banca centrale europea e di Federal Reserve. La deludente lettura degli ultimi dati macro cinesi aumenta la possibilità di misure di stimolo anche da parte di Pechino, secondo consumatore mondiale di greggio. Intorno alle 7,30 il futures Brent a ottobre risale di 22 centesimi a 116 dollari il barile, mentre la stessa scadenza dul Nymex guadagna 81 centesimi a 97,28 dollari DATI MACROECONOMICI
ZONA EURO
* Prezzi alla produzione luglio – attesa 0,2% su mese, 1,6% su anno (11,00)
USA
* Pmi manifatturiero agosto (14,58)
* Indice Ism agosto (16,00)
* Spese alla costruzioni luglio (16,00) BANCHECENTRALI ZONA EURO
* A Francoforte interventi di Asmussen e Schaeuble a convegno su “Struttura bancaria e cultura bancaria”.

MONETARIO – Cosa succede oggi mercoledì 8 agosto

* Il Ministero dell’Economia rivedrà al ribasso le stime di crescita per quest’anno, alla luce dei dati del Pil nel secondo trimestre (-2,5% rispetto a un anno fa). E’ quanto riferisce il ‘Corriere della Sera’. Per l’intero 2012, scrive il’Corriere’ la flessione del prodotto interno lordo sarà del 2,1%, in peggioramento alle ultime stime del Tesoro di aprile, in cui si prospettava una contrazione dell’1,2%.

* Dopo i deludenti numeri Istat di ieri sulla produzione italiana inagenda questa mattina le analoghe indagini sul settore industriale spagnolo e tedesco. Se per la statistica iberica il consensus è di una correzione annua di 6,3%, da confrontare con il -6,1% di maggio, la mediana delle aspettative sull’indice tedesco indica una battuta d’arresto dello 0,8 da confrontarsi con il +1,6% precedente.

* Appuntamento sul primario con la riapertura del Bund decennale luglio 2022, cedola 1,75%, offerto agli investitori per 4 miliardi. In serata è poi il turno del dipartimento al Tesoro Usa, sempre sul segmento a dieci anni. In vista delle aste, la sessione di ieri è stata contraddistinta da un buon recupero della ‘periferia’ rispetto alla carta ‘core’. La forbice tra tassi Btp/Bund sul tratto decennale è scivolata brevemente fin sotto i 440 punti base, toccando il minimo dal 5 luglio scorso, per chiudere la seduta sulla piattaforma TradeWeb a 451 punti.

* Standard & Poor’s ha rivisto in negativo l’outlook della Grecia, speigando che il Paesepotrebbe necessitare di ulteriore assistenza finanziaria da parte dei creditori internazionali. L’agenzia ha inoltre aggiunto che se Atene non riuscirà ad assicurarsi la prossima tranche di aiuti a settembre, il suo rating, classificato CCC, verràridotto.

* L’intervista di Mario Monti al ‘Wall Street Journal’ ha innescato una nuova polemica in seno alla coalizione di maggioranza che appoggia il professore dopo i commenti sull’andamento dello spread in caso di permanenza del governo guidato da Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. Dichiarazioni che hanno dato origine a una fibrillazioni tra il Pdl e Monti, che ha poi telefonato all’ex premier per chiarirsi. Oggi il premier incontrerà Alfano che illustrerà la proposta del Pdl per l’abbattimento del debito pubblico.

* In arrivo da Banca d’Italia la statistica su depositi e prestiti del settore privato a giugno insieme al dato sui titoli di Stato italiani in mano agli istituti di credito nazionali. Diffusi il 10 luglioscorso, i numeri di fine maggio hanno fotografato una crescita della raccolta accompagnata da un rallentamento dei finanziamenti, mentre è aumentato a 302,53 miliardi da 294,93 a fine aprile il portafoglio Btp delle banche italiane.

* Lepartite correnti giapponesi sono rimaste in surplus a giugno per il quinto mese consecutivo, con il rallentamento delle importazioni che ha rinforzato la bilancia dei pagamenti del Paese. Il surplus si è comunque ridotto a del 19,6% rispetto all’annoprecedente, a 433,3 miliardi di yen, a fronte di un’attesa per una caduta di 23% su base destagionalizzata al totale di 415 miliardi.

* Sempre a Tokyo si è aperta la riunione sui tassi di Banca del Giappone, che termina domani e da cui siprevede non emerga alcuna novità in materia di politica monetaria né a livello di costo del denaro né per quanto riguarda ulteriori misure espansive. Banca d’Inghilterra, intanto, che oggi pubblica il rapporto sull’inflazione, nelle attese deglianalisti dovrebbe rivedere al ribasso le prospettive di crescita, aprendo la strada a un nuovo rush di acquisto di titoli per stimolare l’economia.

* Euro poco variato sul dollaro nelle contrattazioni asiatiche, supportato dalle speranze diun’azione della Bce a sostegno dei titoli brevi di Italia e Spagna. Intorno alle 7,30 euro/dollaro <EUR=> a 1,2394 da 1,2400 della precedente chiusura, euro/yen <EURJPY=> a 97,33 da 97,41; dollaro/yen <JPY=> a 78,53 da 78,57.

* Greggio in calo in Asia, con il derivato del Brent <LCOc1> che cede 30 centesimi a 111,70 dollari il barile, mentre i future sul Nymex <CLc1> arretrano di 35 centesimi a 93,32 dollari il barile.

* Prezzi in rialzo e rendimenti in discesa per i Treasuries Usa, conil decennale che avanza di 3/32 e rende l’1,6197%, in allontanamento dal massimo a 5 settimane toccato ieri, attorno 1,6420%.

DATI MACROECONOMICI FRANCIA
* Bilancia commerciale giugno (8,45) – attesa -5,0 miliardi.

GERMANIA
*Bilancia commerciale giugno (8,00) – attesa 15,0 miliardi.

* Produzione industriale giugno (12,00) – attesa -0,8% m/m.

SPAGNA
* Produzione industriale giugno (9,00) – attesa -6,3% a/a.

USA
* Produttività 2° trimestre (14,30) – attesa 1,3%.

* Costo del lavoro 2° trimestre (14,30) – attesa 0,6%.

* Scorte Usa settimanali prodotti petroliferi Eia (16,30).

ASTE TITOLI DI STATO ITALIA
* Tesoro annuncia quantitativi Bot in asta il 13 agosto.

GERMANIA
* Tesoro offre 4miliardi Bund a 10 anni scadenza 04/07/2022, cedola 1,75%.

USA
* Tesoro offre titoli di Stato a 10 anni (19,00).

Sicilia, Lombardo confermerà dimissioni a Monti, no rischio default

PALERMO, 18 luglio (Reuters) – Il governatore della Regione Siciliana Raffaele Lombardo dice che al presidente del Consiglio Mario Monti, quando lo vedrà a palazzo Chigi il 24 luglio, confermerà le sue dimissioni, ma nega che i conti regionali siano a rischio default.

“Sto scrivendo una lettera a Monti per smentire le menzogne scritte in questi giorni”, ha esordito Lombardo nel corso di una animata conferenza stampa.

“La mia scelta di dimettermi è soltanto politica. Si sono lettetante interpretazioni sbagliate. Non permetterò che la Sicilia venga privata del diritto costituzionale di andare a votare in maniera anticipata rispetto al resto d’Italia”, ha aggiunto.

Il governatore ha poi definito “falsa la notizia di una Sicilia in default. Abbiamo un bilancio di circa 27 miliardi, un debito di 5, un Pil di 80 miliardi”, aggiungendo che si tratta di cifre in linea con quelle di altre Regioni e migliori di quelle dello Stato italiano.

“Ci tuteleremo in sede penalee civile nei confronti di chi ha scritto di Regione a rischio default” ha aggiunto dicendo poi: “Se qualche pseudo industriale pretende che io cacci o licenzi i forestali vada al diavolo”.

Ieri Monti ha comunicato di avere scritto a Lombardo per avere conferma delle sue dimissioni e, in una nota di Chigi, si spiegava che la lettera era stata spedita “facendosi interprete delle gravi preoccupazioni riguardo alla possibilità che la Sicilia possa andare in default a causa del proprio bilancio”.

In serata poi fonti di palazzo Chigi avevano precisato che la preoccupazione più che sul default era sulla necessità di procedere anche in Sicilia a una spending review per ridurre gli sprechi”.

Zona euro trova accordo su sostegno bond. I commenti politici

ROMA, 29 giugno (Reuters) – All’alba i leader dell’Eurozona hanno trovato un accordo sul meccanismo per contrastare l’eccessivo divario tra i rendimenti dei titoli di stato dei paesi di Eurolandia.

Il meccanismo verrà attivato su richiesta dei paesi che lo riterranno opportuno, ma non implicherà nuove condizioni oltre a quelle stabilite dal Patto di stabilità e crescita rafforzato, e la sua attivazione non sarà monitorata dalle istituzioni europee come nel caso dei programmi di aiuto per i paesi in bancarotta.

Di seguito i commenti di alcuni politici:

ENRICO LETTA (PD): “E’ davvero un gran risultato, per prima cosa inatteso. In secondo luogo penso che Monti puntasse fin dall’inizio ad avere un approccio duro al summitrifiutando le mezze misure. Si è trattato di un vertice decisivo, era necessario ottenere un risultato e lo abbiamo fatto”.

“La cosa principale dal mio punto di vista è stata la sua capacità di avere un approccio deciso non lasciando spazio per dire ‘vediamo come andrà’ oppure ‘possiamo decidere in una fase successiva’. Penso che ciò abbia dimostrato che l’unico in Europa che possa convincere Angela Merkel sia Mario Monti”.

Alla domanda di Reuters se il risultato in Europa calmerà le tensioni interne, Letta ha risposto “certamente, ma la cosa principale è dare una risposta sulla legge elettorale. E’ il contributo principale che i partiti politici possano dare. Penso che dopo il miracolo di Bruxelles possiamo fare il miracolo di una nuova legge elettorale”.

ANTONIO TAJANI (VICE PRESIDENTE COMMISSIONE UE): “Credo che l’Europa in queste ore stia dando il messaggio politico che c’è un percorso con interventi a medio lungo termine con delle date fisse, si sacosa si deve fare e quando. Visti anche i risultati incoraggianti che si hanno dalle Borse, la reazione è stata positiva. Ora però bisogna andare avanti, la partita contro la speculazione non si è conclusa. Dobbiamo lavorare tutto quest’anno inmaniera molto dura. Il percorso è quello che va verso gli Stati Uniti d’Europa”.

“La situazione dell’Italia complessivamente non è di un Paese sull’orlo del baratro… Credo che alla fine la Germania sappia che l’euro le conviene”.

FRANCO FRATTINI (PDL): “L’Italia segna a Bruxelles ottenendo un ottimo risultato e portando a casa ciò che avevamo chiesto. Adesso siamo più forti”.

BENEDETTO DELLA VEDOVA (FLI): “Oggi l’Europa si muove finalmente nella direzionegiusta, anche se con il passo lento, caratteristico di una sistema di governance complesso e di meccanismi decisionali rallentati dalla estenuante ricerca di mediazione e di consenso. Perché si arrivasse alle decisioni di questa notte è stato decisivo il ruolo del Presidente Monti, forte della sua credibilità personale e soprattutto dell’azione del suo governo, che in pochi mesi ha ribaltato lo stereotipo di un’Italia incapace di tener fede ai propri impegni e di imboccare con decisione la strada del rigore e delle riforme”.

“Quanto è stato deciso stanotte non sarà sufficiente se le decisioni adottate non saranno confermate, implementate e fatte seguire da altre, che consentano di realizzare più rapidamente il progetto di integrazioneeuropea. Ma è stato un passaggio necessario (e purtroppo tardivo), che segna un’obiettiva svolta nei meccanismi di funzionamento della costruzione europea”.

“Il successo di Monti a Bruxelles non è la vittoria dell’Italia e la sconfitta dellaGermania. E’ un risultato che dimostra al contrario che non esiste alcun trade off tra disciplina finanziaria e solidarietà europea e che meccanismi di garanzia comune sui debiti sovrani dell’eurozona sono possibili ed efficienti solo se incentivano e premiano la politica del rigore”.

– Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

Bomba Brindisi, indagine a Dda Lecce, per ora nessun indagato

BRINDISI, 21 maggio (Reuters) – Sarà la Direzione distrettuale antimafia di Lecce a coordinare le indagini sulla bomba che sabato mattina a Brindisi ha ucciso la studentessa 16enne MelissaBassi.

Lo ha annunciato oggi il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, mentre la collega guardasigilli Paola Severino ha smentito ufficialmente che ci siano già degli iscritti nel registro degli indagati.

“Abbiamo dato il via oggi aun modello di comportamento e di attività particolare focalizzato su questo territorio che tocca le tre province di Brindisi, Lecce e Taranto. Sotto l’accorpamento della Dda di Lecce, questo nuovo modo di operare porterà un focus di grandissimaattenzione su queste tre province”, ha detto Cancellieri nella conferenza stampa seguita al vertice in Prefettura.

“Possiamo quindi parlare di un ‘modello Brindisi’ simile a quello già sperimentato a Caserta e che vede uno stretto legame anchetra forze di polizia sul territorio e magistratura”, ha aggiunto la titolare del Viminale.

Al vertice per fare il punto sull’attentato hanno preso parte, oltre ai ministri, il capo della Procura distrettuale antimafia di Lecce Cataldo Motta,il procuratore capo di Brindisi Marco Dinapoli, il sostituto Milto de Nozza, il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, il comandante generale dei Carabinieri Leonardo Gallitelli e il capo della polizia Antonio Manganelli.

Ieri ilprocuratore Dinapoli ha detto che l’attentato potrebbe essere un gesto isolato e individuale, e che sembra improbabile la pista mafiosa.

Sempre ieri, fonti giudiziarie hanno detto che nella notte erano state interrogate due persone in Questura aBrindisi. Su giornali e siti, intanto, circola l’immagine dell’uomo che avrebbe premuto il pulsante del telecomando a distanza, ripresa da una telecamera.

Si svolgeranno a Mesagne nel pomeriggio i funerali di Melissa Bassi, la ragazza mortanell’esplosione. Dovrebbe partecipare anche il presidente del Consiglio Mario Monti, che ha lasciato gli Stati Uniti – dove partecipava al vertice Nato – prima del previsto a causa dell’attentato di Brindisi e del terremoto in Emilia Romagna. Nell’attentato davanti all’istituto Morvillo-Falcone sono rimaste ferite cinque ragazze, una delle quali è in condizioni molto gravi.

Oggi il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha lanciato un appello a “rinsaldare la coesione sociale” dopo l’attentato di Brindisi, che ha definito “un altro sanguinoso attacco eversivo alla convivenza civile”.