Quartz Weekend Brief—#Ferguson’s lessons, #water sommeliers, development’s failings, the Hillary show

Good morning, Quartz readers!

The little town of Ferguson, Missouri, became a global story again this week, after a grand jury declined to indict police officer Darren Wilson for killing Michael Brown.

In the US, there’s a sense of missing leadership. Brown’s death forced everyone to notice the broader problem: that black Americans are far likelier to die at the hands of police than white ones (or seem to be; part of the problem also is that the data are notoriously incomplete). Yet despite the protests that roiled the country, despite reams of analysis in the media and online, despite a speech by the president, nobody is proposing a comprehensive approach to the problem.

To be sure, that’s in part because America is the problem—racial discrimination is a structural feature that will take generations more to eliminate. Yet it felt distinctly uninspiring that the best Barack Obama could offer was to send his attorney general on a trip around the country to “help build better relations between communities and law enforcement.”

Yet there’s something to temper the rest of the world’s noticeable Schadenfreude. In Mexico, it’s taken a grisly mass-murder by cops in cahoots with criminals to start a protest movement. In Brazil, if the data are to be believed, police have killed about as many people in four years as American cops have in two decades. In Egypt, where a law passed this week defines any disruption to public order as “terrorism,” it’s hard to imagine president Abdel Fattah el-Sisi making a sympathetic speech about police victims.

In short, America is fortunate to be a country where one man’s death can still get people angry. All the more pity, then, that nobody has worked out how to turn the anger into action.—Gideon Lichfield

Five things on Quartz we especially liked

The world’s OPEC opportunity. As oil prices collapse, the cartel has realized that cutting output would bring it only temporary relief. With OPEC neutered, Steve LeVine, argues, Western countries have a once-in-decades opportunity to push for their own strategic goals.

How Ferguson divides America. Emma Pierson, a statistician, created a map of the Twittersphere around the Ferguson grand jury decision. It shows what you might expect: There are large groups of people who not only disagree, they’re not even seeing the things the other side says.

The restaurant with 20 different waters. They cost an average $12.64 per liter, and come described in a 44-page tasting guide. David Yanofsky interviews the manager, Martin Riese, who calls himself “America’s only water sommelier.”

How a female US army colonel got her way in Egypt. She was seconded to an Egyptian general. He refused to deal with her. In a nice case study on negotiating cultural differences, Lt. Colonel Jill Morgenthaler relates how she got him to change without compromising either her authority or his.

The Quartz holiday gift guides. We present our shortlists designed around those people you always have trouble picking presents for—the video junkie, the stylish-but-practical traveler, the tech-loving adventurer, the budding drone enthusiast, the internet-connected cook, and the kid with CEO ambitions.

Five things elsewhere that made us smarter

Why international development keeps failing. Its history is littered with brilliant ideas that attracted publicity, won over donors, and inspired TED talks, but turned out to be duds. In the New Republic, Michael Hobbes, a veteran of the field, offers a searing critique of much of what is wrong with development aid—but concludes that ultimately, its biggest problem is our outsized hopes about what it can achieve.

The scourge of the gamers. Anita Sarkeesian never thought that her dense, scholarly feminist critiques of video games were going to go viral. But, as Sheelah Kolhatkar relates in Businessweek, she has become a linchpin of a movement against sexist game violence and the target of a vicious backlash from male gamers.

The running man. The journalist Jose Antonio Vargas is the poster boy of the “DREAMers,” people brought to the US illegally as children who are now campaigning for the right to stay. But the years of keeping secrets have taken a big emotional toll, as Marc Fisher writes in this sensitive profile in the Washington Post.

ISIL’s modern history. Though its methods invoke metaphors like “medieval,” the Islamic Statement movement is pretty modern, explains Karen Armstrong in the New Statesman—not just in its use of social media and corporate organizational strategies, but as the product of a complex interplay of religious and political factors that begin in the (relatively recent) 18th century.

The Hillary show. She charges $300,000 to give a speech—and that’s the discount rate. Her backstage demands are as detailed as a rock star’s. Rosalind Helderman and Philip Rucker at the Washington Post, who dug up details of one of Hillary Clinton’s speaking contracts, ask: Is this a credible presidential candidate to voters still struggling to climb out of the recession?

Our best wishes for a relaxing but thought-filled weekend. Please send any news, comments, development ideas, and excessive speaker fees to hi@qz.com. You can follow us on Twitter here for updates throughout the day.

You’re getting the Europe and Africa edition of the Quartz Daily Brief. To change your region, click here. We’d also love it if you shared this email with your friends. They can sign up for free here.

My Bad – 11/28/2014

In my last commentary I stated that 12 out of the last 15 days stocks were in the plus column for a 75% win percentage…oops, I meant 80%. Let’s just write that up as my plan to under-promise and over-perform 😉

Gladly the good times kept rolling on Wednesday as stocks headed higher once again to a new all-time high. That certainly gives us much to be thankful for this time of year.

Next week provides a more serious test for stocks as we are faced with these key economic reports:

Monday: ISM Manufacturing

Wednesday: ADP Employment, ISM Services

Friday: Government Employment Situation

If all goes well, then I suspect 2100 will be hit before the week is out. If neutral, then peel back to support at 2050. And if nasty, then 2000 will be retested in a hurry.

Watch these reports closely and trade accordingly, yet never lose sight that the long term bull market is in place til proven otherwise.

Best,

Steve Reitmeister ( aka Reity…pronounced “Righty” )

Executive Vice President

MONETARIO – Cosa succede oggi venerdì 28 novembre 28/11/2014 – RSF

GUIDIZIO UE SU LEGGE STABILITA’ – In un’intervista ad alcuni quotidiani italiani ed esteri, il presidente della Commissione Ue Juncker spiega che la Ue non sanzionerà oggi Italia e Francia sui conti pubblici perchè i due paesi hanno preso impegni precisi e circonstanziati sulle riforme e gli impegni di bilancio. Bruxelles si focalizzerà sulla competitività e la capacità di crescita, ma questo non significa che sarà compiacente sul deficit, dice Juncker. La Commissione Ue, secondo una bozza diconclusioni visionata da Reuters, inserirà Italia e Francia tra i paesi che rischiano di violare le regole, rinviando una decisione sull’apertura di una procedura d’infrazione a marzo.

DATI ITALIA E ZONA EURO – Focus sui preliminari deiprezzi al consumo di novembre in Italia e nella zona euro, dopo le letture inferiori alle stime giunte ieri da Spagna e Germania. Riguardo Roma, le attese sono per un tendenziale armonizzato stabile a 0,2% mentre, per l’intera zona euro, l’inflazione dovrebbe frenare ulteriormente a 0,3% da 0,4% di ottobre. In arrivo da Roma e Bruxelles anche i dati sulla disoccupazione, in questo caso di ottobre, attesi tassi stabili a 12,6% in Italia e a 11,5% nella zona euro.

BTP – I numerisull’inflazione tedesca hanno alimentato ulteriormente le aspettative dell’avvio a breve di un programma di acquisto di titoli di Stato da parte della Bce, spingendo ieri i tassi dei Btp, e di gran parte dei governativi dell’area euro, a nuovi minimistorici. Il rendimento del decennale italiano <IT10YT=TWEB> sul secondario ieri si è spinto fino a 2,07%, quello francese è sceso per la prima volta sotto l’1%.

RATING – Atteso a mercati chiusi il pronunciamento di Moody’s sul merito dicredito della Grecia, attualmente valutata ‘Caa1’ con outlook stabile. Dopo la fumata nera dei colloqui con la troika ieri Atene ha riconosciuto il rischio di un rinvio, seppure temporalmente contenuto, dell’obiettivo di un’uscita dal piano di bailout entro la fine dell’anno.

GREGGIO – Greggio ancora in calo dopo la decisione dei produttori Opec di non ridurre la produzione di petrolio. Il futures Brent <LCOLc1> cede 1 dollaro/barile a 71,53 dollari, mentre il futures sul greggio Usa non è stato scambiato ieri sul mercato chiuso per il Ringraziamento.

FOREX – Dollaro stabile negli scambi della notte dopo aver registrato un rialzo nei confronti delle valute come il dollaro canadese e la corona norvegese che seguonol’andamento delle materie prime. Il biglietto verde ha guadagnato terreno anche nei confronti dello yen, grazie alle attese che la recente caduta dei prezzi del greggio deprimerà l’inflazione giapponese, portando a nuove misure di allentamentomonetario nel paese asiatico. Lo yen è sceso di 0,4% a 118,21 yen per un dollaro <JPY=>.

TREASURIES – Dopo lo stop di ieri per la festa del Ringraziamento, il mercato obbligazionario statunitense riapre oggi ma ad orario ridotto.

DATI GIAPPONE – Il tasso annuo di inflazione core ha rallentato per il terzo mese consecutivo in ottobre portandosi a 0,9%, ben sotto la soglia del 2% che è l’obiettivo della Banca del Giappone. La spesa delle famiglie è scesa del 4% lo scorso mese, segnando la settima flessione mensile consecutiva, mentre la produzione industriale ha segnato un rialzo mensile inatteso di 0,2%. Tasso di disoccupazione in calo a 3,5% da 3,6%.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat pubblica notamensile.

Istat, stima occupati e disoccupati ottobre e trim3 (10,00) – attesa dato di ottobre 12,6%.

Istat, stima prezzi al consumo novembre (11,00) – attesa dato Nic -0,4% m/m; 0,1% a/a; dato Ipca -0,3% m/m; 0,2% a/a.

Istat, prezzi allaproduzione dell’industria ottobre (12,00).

FRANCIA
Spese consumatori ottobre (8,45) – attesa 0,3% m/m.

Prezzi alla produzione ottobre (8,45).

GERMANIA
Vendite al dettaglio ottobre (8,00) – attesa 1,5% m/m; 1,4% a/a.

GRAN BRETAGNA
Gfk, fiducia consumatori novembre.

GRECIA
Seconda stima il 3° trimestre (11,00).

Prezzi alla produzione ottobre (11,00).

Vendite al dettaglio settembre (11,00).

PORTOGALLO
Pil finale3° trimestre.

SPAGNA
Vendite al dettaglio ottobre (9,00).

Partite correnti settembre (10,00).

ZONA EURO
Stima flash inflazione novembre (11,00) – attesa 0,3% a/a.

Disoccupati ottobre (11,00) – attesa 11,5%.

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, convegno Consob su “Nuove tendenze in materia di informazione finanziaria e tutela degli investitori”, con Sabatini (9,15).

Milano, Reuters pubblica asset allocation novembre (13,00).

Milano, convegnoInps “Crisi dell’impresa, procedure concorsuali e ruolo dell’ente previdenziale. La responsabilità sociale” con DG Mauro Nori, commissario straordinario Tiziano Treu (dalle 9,30).

Firenze, evento “Immaginiamo il futuro. Da Sempre”, di GE Oil&Gas, con Matteo Renzi, Lorenzo Simonelli (10,00).

Frascati, seminario annuale di formazione dell’Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà “Più società fa bene allo Stato”, con Padoan (9,00).

EUROPA
Austria, DBRS si pronuncia surating sovrano.

Grecia, Moody’s si pronuncia su rating sovrano.

Bruxelles, giudizio Commissione Ue su leggi stabilità Italia e Francia, conferenza stampa.

Parigi, Ocse presenta “Pensions Outlook”.

Croazia, elezioni presidenziali.

USA
Chiusura anticipata mercati (19 italiane).

Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reutersin italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

AGENDA- Appuntamenti di venerdì 28 novembre 28/11/2014 – RSF

APPUNTAMENTI
ITALIA
ROMA
Camera, aula, legge Stabilità, attesa richiesta di fiducia
Camera, Padoan partecipa a seminario organizzato da gruppo per la sussidiarietà (9,00).

Consob, convegno su “Nuove tendenze in materia di informazione finanziaria e tutela degli investitori”, con Sabatini (9,15).

Ast Terni, riprende trattativa al Mise (9,00).

Presentazione Campagna raccolta fondi 2014 per la realizzazione del Rifugio Caritas di Milano Centrale con Elia (12,00).

MILANO
Reuters, asset allocation novembre (13,00).

Fondazione CdS, incontro “L’Europa fallirà? Rischi e speranze del progetto di integrazione europea” con E. Letta (18,00).

Confimprese, “Retail Business in Polonia – Overviewdel mercato e opportunità per i retailer italiani”, con Mario Resca (9,00).

Processo Marzotto, nuova udienza su vendita marchio Valentino.

Inps, convegno “Crisi dell’impresa, procedure concorsuali e ruolo dell’ente previdenziale. Laresponsabilità sociale” con DG Mauro Nori, commissario straordinario Tiziano Treu (dalle 9,30).

Fondazione Agnelli, conferenza stampa di presentazione “EDUSCOPIO.it” John Elkann (11,30).

FIRENZE
Convegno “Il modello italiano diintermediazione finanziaria, specificità, eredità e futuro” con Gros-Pietro, F. Saccomanni (dalle 9,30).

Evento “Immaginiamo il futuro. Da Sempre”, di GE Oil&Gas, con Matteo Renzi, Lorenzo Simonelli (10,00).

CATANIA – REGGIO CALABRIA -AVELLINO
Visita di Renzi

EUROPA
Austria, DBRS si pronuncia su rating sovrano.

Grecia, Moody’s si pronuncia su rating sovrano.

Bruxelles, giudizio definitivo Commissione Ue su leggi stabilità Italia e Francia, conferenzastampa.

Parigi, Ocse presenta “Pensions Outlook”.

Croazia, elezioni presidenziali.

Ankara/Istanbul, Papa Francesco in visita, fino all’1 dicembre.

USA
Chiusura anticipata mercati (19 italiane).

DATIMACROECONOMICI
ITALIA
Istat pubblica nota mensile.

Istat, stima occupati e disoccupati ottobre e trim3 (10,00).

Istat, stima prezzi al consumo novembre (11,00).

Istat, prezzi alla produzione dell’industria ottobre (12,00).

EUROPA
Francia, spese consumatori e prezzi alla produzione ottobre (8,45).

Germania, vendite al dettaglio ottobre (8,00).

Gran Bretagna, Gfk pubblica fiducia consumatori novembre.

Grecia, seconda stima il 3° trimestre, prezzialla produzione ottobre, vendite al dettaglio settembre (11,00).

Portogallo, Pil finale trim3.

Spagna, vendite al dettaglio ottobre (9,00); partite correnti settembre (10,00).

Zona euro, stima flash inflazione novembre e disoccupati ottobre (11,00).

ASIA
Giappone, ordini costruzioni e nuove case ottobre (6,00).

SOCIETÀ
ITALIA
Damiani, Cda 1° semestre.

Ikf, Cda bilancio.

Primi Sui Motori, termine negoziazione diritti aumento di capitale.

EUROPA
Club Med, risultati esercizio.

Quartz Daily Brief—#Cameron’s migrant crackdown, #Ferguson Thanksgiving protests, #OPEC cuts blocked, #Sriracha beer

Good morning, Quartz readers!

What to watch for today

David Cameron tests the EU’s limits. The UK prime minister wants to make EU migrants ineligible for welfare and housing benefits for their first four years in the UK. The proposed legislation, introduced as the anti-immigration UK Independence Party attracts more popular support, may threaten the UK’s position within the EU.

Egypt braces for massive Islamist protests. The ultraconservative Salafi Front has called for a “Muslim youth uprising” after dawn prayers on Friday. Government is deploying security forces in riot gear and armored vehicles.

Black Friday goes global… The holiday shopping frenzy that has traditionally started the day after Thanksgiving in the US is now catching on around the world, from Costa Rica to the UK. In France, retailers are offering promotions and discounts for “Le Black Friday.”

…As civil rights activists urge a shopping boycott. Using the hashtags such as #BlackOutBlackFriday and #NotOneDime, protesters have taken to  Twitter to express their outrage over a white police officer in Ferguson, Missouri who shot and killed an unarmed black teenager earlier this year.

Star Wars fans queue up for a trailer. Thousands are expected to flock to the 30 theaters that will run a clip of Walt Disney’s Stars Wars: The Force Awakens over the long holiday weekend. Director J.J. Abrams alerted fans to the planned release on Twitter earlier this week.

While you were sleeping

The Saudis kiboshed oil production cuts. OPEC members Iran and Venezuela wanted to pump less oil in order to reverse a steep decline in prices, but Saudi Arabia and the wealthy Gulf states—who are able to ride out the weak prices—blocked the move. “It was a great decision,” said Saudi Oil Minister Ali al-Naimi, as oil prices fell even further.

Ferguson protestors tried to disrupt Thanksgiving. At least seven demonstrators were detained in New York City after they knocked down  barriers near the Macy’s Thanksgiving Day Parade and tried to obstruct the parade route. Between 50 and 100 protestors gathered peacefully early in the day to protest police brutality in both Ferguson and New York.

A Nigerian bomb attack killed at least 40. No group has taken responsibility for targeting a village bus station near the city of Mubi, but the area has been regularly singled out by Islamist extremist group Boko Haram. The Nigerian army and the militants have been battling for control of the area for several weeks.

Mexico’s president vowed to reform the police. Enrique Pena Nieto said all local police forces would come under federal control, in response to the disappearance of 43 students, which were allegedly killed by police forces working with gang members. The reforms also grant Congress the power to dissolve local governments infiltrated by drugs cartels.

Shinzo Abe failed to deliver on Japan’s core metrics. Retail sales fell 1.4% in October, worse than a predicted fall of 0.5%, while inflation—minus the effect of April’s tax rise—grew at its slowest pace in 13 months (paywall). Japan’s prime minister Abe made increasing inflation a central goal, but he is struggling to achieve results ahead of a snap election in December.

The Netherlands took 122 tons (111 tonnes) of gold out of the United States. The Dutch central bank said the transfer of the precious metal worth about 4 billion euros ($5 billion) may have a “positive confidence effect with the public.”

Quartz obsession interlude

Steve Levine on the flailing of countries in the OPEC cartel. “In a way, the message of OPEC’s inaction today—deciding not to cut supply—is analogous to the challenge that confronted GM and Microsoft in recent years: if it wants to remain relevant in a world it once dominated, and at times made tremble, it needs to change its game.” Read more here.

Matters of debate

Social media stars aren’t “regular folks.” Everything you see is heavily scripted.

US policemen should listen to USAID. The US agency that preaches about responsible policing abroad is sorely needed at home.

“Eating local” misses the point. Instead, buy food that’s raised sustainably and ethically, wherever on Earth it comes from.

Bill Cosby is no laughing matter. This is no time to make jokes about the comedian—even if you’re a comedian.

Surprising discoveries

The word “apron” used to be “napron.” People misheard “an apron,” and the new name stuck.

Thanksgiving dinner in space took 18 months to prepare. The turkey was irradiated, and the yams were thermostabilized.

A Chinese clothing store banned Chinese customers. An employee at the Beijing shop said they were “too annoying.”

Now is the time to buy your Christmas tree. Timing matters.

Sriracha beer will soon be a thing. Maybe even in time for Christmas.

Click here for more surprising discoveries on Quartz.
Our best wishes for a productive day. Please send any news, comments, space turkey, and hot-sauce beer to hi@qz.com. You can follow us on Twitter here for updates throughout the day.

You’re getting the Europe and Africa edition of the Quartz Daily Brief. To change your region, click here. We’d also love it if you shared this email with your friends. They can sign up for free here.

STOCKS TO WATCH – Venerdì 28 novembre, 28/11/2014 – RSF

******** INDICI 27 NOVEMBRE, ******
FTSE Mib 20.100,53 +0,81%
FTSEurofirst 300 1.392,40 +0,23%
Euro STOXX 50 3.244,92 +0,58%
Dow Jones BORSA CHIUSA —
S&P 500 BORSA CHIUSA —
Le borse europe sono attese in calo in apertura dopo la scia di sei sedute di rialzi, con il settore dell’energia sotto pressione per il calo dei prezzi del petrolio in seguito alla decisione dell’Opec di non tagliare la produzione.

Di seguito, i titoli in evidenza a Piazza Affari nella seduta del 28 novembre.

Contrassegnate con (*) le integrazioni.

FINMECCANICA (FNC.MI) – Il Cda ha invitato l’AD Mauro Moretti a proseguire i negoziati per la vendita degli asset nel settore trasporti ferroviari del gruppo.

Secondo quanto riferito da due fonti anche la cinese Insigma in cordata conXinzhu 002480.SZ> vorrebbe presentare una offerta e avrebbe chiesto qualche settimana in più per esaminare i conti di Ansaldo Breda. (news)
L’indonesiana Lion Air comprerà altri 40 aerei da Atr per 1 miliardo di dollari a prezzo dilistino, diventando il principale cliente della società posseduta da Finmeccanica e d Airbus (AIR.EQ). (news)

(*) TELECOM ITALIA (TIT.MI) – Il cda del fondo F2i potrebbe decidere nei prossimi giorni sulla possibile vendita dellasua partecipazione in Metroweb, secondo l’AD di Metroweb Alberto Trondoli. (news)
Sul tema Il Giornale sottolinea che Fastweb, azionista con l’11% circa, ha un potere di veto sull’acquirente che sarà selezionato dal Fondo F2i per lavendita del suo pacchetto.

Il Sole 24 Ore analizza le potenziali sinergie di una fusione tra Tim Brasil e l’operatore brasiliano Oi sostenendo che potrebbero superare i 7 miliardi. Il gruppo italiano dovrebbe pagare unmiliardo cash per il premio di controllo ma non dovrebbe necessariamente ricapitalizzare, secondo il quotidiano.

Sempre Il Sole 24 scrive che gli azionisti di Telco avrebbero presentato alle competenti autorità brasiliane e argentine lepratiche per la scissione della finanziaria a cui fa capo il 22,4% di Telecom. E’ difficile tuttavia che il via libera possa arrivare entro la fine dell’anno.

Grantham Mayo Van Otterloo & Co detiene il 2,09% del capitale, secondo gliaggiornamenti Consob.(news)

ENEL (ENEL.MI) – Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan conferma l’intenzione del governo di cedere ulteriori quote del gruppo elettrico pur mantenendo il controllo della società ma spiega chel’operazione avverrà al momento più favorevole dal punto di vista del mercato. (news)

(*) UNICREDIT (UCG.MI) – Secondo una fonte vicina alla vicenda Prelios (PRS.MI) e Fortress (FIG.N) hanno compiuto un “importante passo inavanti” nelle trattative per l’acquisto di Uccmb, anche se sono necessari altri passaggi prima di arrivare ad un accordo conclusivo. (news).

Per Il Messaggero, l’asset manager del gruppo Pioneer si appresta a costituire una società a HongKong con l’obiettivo di ottenere la licenza di attività entro il primo trimestre 2015.

(*) MEDIASET (MS.MI) – La nuova Premium ha un enterprise value di 819 milioni, secondo una perizia predisposta per la nascita della newco e citata daalcuni quotidiani. Il piano 2014-2018 vede inoltre il raggiugimento del break-even nel 2017.

BANCHE – Opera Sgr sta studiando un “Fondo Valorizzazione Imprese”, veicolo da 300-500 milioni di euro a cui le banche potranno conferire, incambio di quote, incagli corporate. Cinque banche popolari (Pop Milano (PMI.MI), Creval (CVAL.MI), Popolare Vicenza, Bper (BPE.MI) e Popolare di Bari) avrebbero dato disponibilità ad aderire e si starebbe trattando con altri due-tre istituti.(news)

CATTOLICA ASSICURAZIONI (CASS.MI) – L’aumento di capitale da 500 milioni si è concluso, al termine del periodo di offerta in opzione, con la sottoscrizione del 99,52% delle nuove azioni. (news)

IREN(IRE.MI) – Dopo le dimissioni dell’AD Nicola De Sanctis, il patto di sindacato tra i tre comuni principali azionisti, Torino, Genova e Reggio Emilia, ha designato all’unanimità Massiliano Bianco quale nuovo AD. La nomina avverrà il 1° dicembre.(news)

RAI WAY (RWAY.MI) – Blackrock detiene il 5% del capitale, secondo gli aggiornamenti Consob. (news)

MONDADORI (MN.MI) – Il magazine Grazia è appena sbarcato in Qatar e a inizio 2015 verrà pubblicato inTurchia. (news)

GALA (GALA.MI) – Si è aggiudicata la fornitura di energia elettrica verde per il sito espositivo di Expo2015 (news)

MONDO TV (MTV.MI) – Ha raggiunto una nuova intesa preliminare di licenzacon D Medya per la trasmissione in Europa e Turchia di propri programmi su piattaforma satellitare in lingua turca. (news)

NOTORIOUS PICTURES (NPI.MI) – Ha presentato un piano industriale che prevede una crescita media annua deiricavi del 16% al 2017 e un pay out ratio del 25%. (news)

RETELIT (LIT.MI) – Le dimissioni dei consiglieri di amministrazione sono dovute a “divergenze di vedute” con gli altri membri del Cda, con particolare riferimentoall’utilizzo del bridge loan nel contesto dell’operazione di finanziamento KBC. Lo spiega il collegio sindacale rispondendo ad una lettera della Consob. (news)

Sono sospesi a tempo indeterminato: AION RENEWABLES (AIN.MI), ARENA(ARE.MI), COGEME SET (COG.MI), CRESPI (CRE.MI), POPOLARE SPOLETO (SPO.MI), SCREEN SERVICE (SSB.MI).

Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

Websim Focus sui Mercati Finanziari 28/11/2014 – WS

Asia. Borse ben intonate stamattina. Shanghai +1%, è al settimo giorno consecutivo di rialzo e si spinge sui massimi dal 2011. Hong Kong +0,1%. Mumbay +1,3% si porta sui nuovi massimi storici, Seul +0,1%, Tokyo ha terminato in guadagno dell’1,2% favorita dalla caduta del greggio.

Wall Street era chiusa per la festività del Ringraziamento e oggi è aperta mezza giornata (chiusura alle 19:00).

Petrolio. Prezzi in caduta libera dopo la decisione dell’Opec di non tagliare la produzione. Secondo gli esperti, l’obiettivo non dichiarato dei Sauditi (principali sostenitori di questa posizione) sarebbe quella di scoraggiare gli investimenti americani nello shale oil.

Brent (oggi 71,5 usd) e WTI (68 usd) sono crollati del 7% e viaggiano sui livelli più bassi degli ultimi 4 anni. Dai picchi di giugno quello che una volta era l’oro nero si è deprezzato del 40%. Sorge spontanea una domanda: dove sono tutti coloro che hanno cavalcato il rally precedente raccontandoci che c’era scarsità di petrolio?

I future sulle borse europee anticipano un avvio in rialzo dello 0,1%.

Le vendite al dettaglio in Germania a ottobre sono cresciute dell’1,9% sul mese precedente, meglio delle attese ferme a +1,5%.

Analisi tecnica borse. Oggi è l’ultima seduta di un novembre ricco per i mercati azionari. Molti listini si avviano a chiudere sui massimi storici senza mostrare segnali di tentennamento. Naturalmente questo non è il caso di Piazza Affari che si deve accontentare di un +1,6% a ieri. Tanto per consolarci precisiamo che a metà novembre perdeva il 6. Francoforte è balzato in avanti del 7%.

Dax (9.975, +0,6%). Tredici rialzi in quattordici sedute e nuovi top da luglio sono dati che spiegano il quadro di fondo meglio di ogni altro. Dopo un progresso del 21% dai minimi di ottobre e data la vicinanza dei massimi storici in area 10mila, potrebbero prevalere le prese di profitto o per lo meno una fase di assestamento. Il quadro di fondo rimane tonico.

FtseMib (20.100, +0,81%). Resiste con qualche fatica sopra la ex resistenza a 19.800 punti, ma per confermare i recenti segnali di forza occorre violare stabilmente il primo ostacolo a 20.200 punti e questo passaggio invece non appare del tutto scontato a causa della debolezza dei titoli petroliferi. In tal caso si proietterebbe un target a 21mila/21.500 punti.

Variabili macro.

Petrolio. Afferrare il coltello in caduta è sempre un rischio dicono i vecchi di borsa perché si potrebbe prenderlo per la lama. Ci chiediamo però se davvero l’Opec abbia tutto questo interesse a massacrare il prezzo del petrolio mettendo a rischio tanti progetti di lungo termine avviati anche nei Paesi arabi. A nostro avviso, sfogata la delusione post-Opec da qui in poi è più probabile un tentativo di assestamento.

Oro (1.186 usd). Niente di nuovo. Fatica a violare il primo o ostacolo posto a 1.200 usd. Da monitorare invece il forte supporto di lungo periodo in area 1.150 usd, il cui cedimento aprirebbe una voragine con un target nel range 1.080/1.000 usd. Manteniamo la visione negativa.

Forex. Euro/Dollaro (1,245). La crescente attesa del QE di marca europea riporta interesse sul dollaro, che però dà l’impressione di voler trovare un punto di equilibrio sui livelli raggiunti di recente. Il nostro obiettivo di medio periodo rimane a 1,20.

Bond periferici. Ieri è stata una giornata costellata da innumerevoli ribassi record per tutto il comparto con la sola eccezione della Grecia dopo che sono saltate le trattative con la troika sul bilancio. Il Btp 10 anni riparte da un rendimento del 2,05%, nuovo minimo record così come per Francia, Spagna, Germania? Lo spread riparte da quota 132 a ridosso dei minimi dell’anno. Fa piacere rilevare che si avvicina rapidamente il target di 100 punti base indicato in tempi non sospetti da Websim (ne valeva 300 quando si è cominciata ad avanzare questa ipotesi). La Grecia, poveretta, è un po’ abbandonata a se stessa, ma se per gli altri è festa grande non si capisce perché qualche briciola non potrebbe ricadere anche su Atene. Teniamo sempre presente che se la Bce farà partire il QE ? comprerà anche bond ellenici!

http://www.websim.it