Websim Focus sui Mercati Finanziari 11/02/2016 – WS

Wall Street ha rallentato nel finale andando a chiudere contrastata: Dow Jones -0,6%, S&P500 –0,2%, Nasdaq +0,3%.

Nel dopoborsa da segnalare il +10% di Tesla e il -11% di Twitter.

Asia. Stamattina Tokio e Shanghai sono chiuse per festività. Hanno riaperto dopo tre giorni Hong Kong e Seul, la prima perde il 4% e la seconda il 3%. Per il listino di Hong Kong, dove nei giorni scorsi è riaffiorata la protesta contro Pechino, è la peggiore partenza delle negoziazioni dopo la vacanza per l’inizio dell’anno lunare dal 1994. Mumbay -1,1%.

I future sulle Borse europee anticipano un avvio in calo dell’1,5%.

Analisi Tecnica Borse.

Il violento rimbalzo delle borse europee, Milano in testa, per ora ha soltanto stoppato una caduta che sembrava inarrestabile. A questo punto il primo livello da monitorare, per vedere se da questi livelli si può ripartire, è rappresentato dai minimi di martedì scorso. Diciamo che le indicazioni in arrivo stamane dall’Estremo Oriente non lasciano del tutto tranquilli: Hong Kong è scesa sui minimi dal 2012.

FtseMib (16.714, +5%). Violento rimbalzo grazie alle banche. Il quadro di fondo è ancora depresso. Per dire che si tratta di una inversione occorre chiudere la settimana almeno sopra 17.200/17.400 punti. Monitoriamo.

Dax (9.017, +1,6%). Un primo segnale di riequilibrio è arrivato. La soglia critica da recuperare per poter respirare rimane sempre intorno a 9.300 punti. Supporti successivi verso 8.400/8mila punti.

S&P500 (1.851 -0,1%). La volatilità rimane doppia rispetto alla media dell’anno scorso, ma in lenta diminuzione. Monitoriamo i minimi annuali a 1.810 punti. Il NASDAQ (4.283, +0,3%) mette pressione al robusto sostegno in area 4.290 punti (minimi di agosto).

Brasile (Bovespa 40.376, -0,5%). Riapre dopo le festività. Prosegue la fase di lenta ricostruzione del trend, intanto annotiamo che l’indice si è allontanato di circa il 10% dal minimo dell’anno (37mila punti).

Commodity.

Petrolio. Si allarga il differenziale tra WTI (27 usd) e Brent (30,7 usd). Il Wti è caduto sui minimi dal 2003 malgrado il calo a sorpresa delle scorte USA perché in realtà i produttori di shale americani sono condannati a pompare greggio per rinviare di qualche settimana (questa è la nostra convinzione) il capestro. Migliore la situazione per il Brent che continua a difendere la soglia dei 30 usd, nostro livello di acquisto.

Oro (1.208 usd). L’incertezza diffusa spinge la quotazione sui massimi dallo scorso maggio ampliando il guadagno del 2016 al 15% circa in dollari. Una chiusura di settimana oltre i 1.200 usd fornirebbe un ulteriore segnale di forza del trend. Manteniamo le posizioni. Fissiamo uno stop prudenziale a 1.100 usd.

Forex.

Valute Emergenti. Malgrado le fibrillazioni delle borse, quasi tutte le valute emergenti rimangono a distanza dai recenti minimi. Il Ringgit malese riesce addirittura a portarsi sui top da ottobre.

Euro/Dollaro. 1,129. Come previsto, la Yellen ha detto che non c’è fretta di alzare i tassi e il mercato ha reagito spingendo il dollaro sui minimi da ottobre. Aspettiamo pazientemente la parte alta del range 1,05-1,15 per tornare a comprare dollari Usa.

Bond governativi.

La febbre sulla periferia rimane alta, in particolare su Portogallo (decennale al 3,7%, massimo da agosto 2014) e Grecia (decennale al 10,6%, massimo da agosto). Rientrano invece le tensioni sull’Italia anche grazie alle novità positive sulle banche. Sempre ben comprata l’area “core”.

USA. Il rendimento del Treasury Bill a 10 anni scende sui minimi di un anno fa a 1,67% da 1,72% di ieri mattina.

Germania. Il rendimento del Bund decennale oscilla poco sopra i minimi dal 2014 in area 0,24%. Il minimo storico segnato del 2015 è a 0,073%.

Italia. Il rendimento del BTP 10 anni scende a 1,64% con lo spread a 139 punti base da 154 di ieri mattina. Lo spread sopra 150 punti base è per noi occasione per cominciare ad alleggerire bund tedeschi e comprare Btp.

http://www.websim.it
http://www.websimaction.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...