MONETARIO – Cosa succede oggi martedì 15 settembre 15/09/2015 – RSF

DEF – Il governo rivedrà al rialzo la stima di crescita per quest’anno a 0,9% da 0,7%, ha annunciato Renzi a ‘Otto e mezzo’. In lieve miglioramento dall’attuale 1,4% anche la previsione di crescita per l’anno prossimo e la manovra avrà un valore di 27 miliardi. Sul capitolo coperture, Renzi ha ribadito di voler utilizzare parte della flessibilità prevista dalle regole Ue sul deficit/Pil, senza sforare la soglia del 3%. Complessivamente le clausole libererebbero circa 17 miliardi, che non verranno utilizzati per intero, ha sottolineato il premier. Viene inoltre ipotizzata a partire dal 2017 una digital tax sui colossi del web, mentre l’agenzia delle entrate ha concesso una mini-proroga sul rientro dei capitali. Il termine di adesione restafissato al 30 settembre, ma vengono assicurati 30 giorni aggiuntivi per inviare relazione e documenti. In un’altra intervista tv Padoan ha escluso che nella nuova legge di Stabilità ci sarà un capitolo sulla flessibilità in uscita per le pensioni.

BOJ – Nessuna novità sul fronte della politica monetaria da parte dell’istituto centrale giapponese che ha confermato l’attuale orientamento ultraespansivo e l’importo dello stimolo monetario ma ha peggiorato le prospettive per l’economia nipponica, tagliando le stime su esportazioni e produzione, alla luce del rallentamento delle economie emergenti.

ZEW – L’indice sulla fiducia degli investitori tedeschi a settembre sarà strettamente monitorato in mattinata, per cogliere la portata dell’impatto del recente deterioramento del sentiment, in parte imputabile alla frenata della crescita cinese. Nella mediana delle attese degli analisti lo Zew dovrebbe segnare una nuova discesa a 18,4 da 25 di agosto.

BTP – Andamento statico per il mercato obbligazionario italiano, con i rendimenti che continuano a muoversi nei range visti di recente, in attesa del responso sui tassi della Fed di giovedì. E’ proseguito inoltre il trend che vede i Bonos spagnolisottoperformare la carta italiana in vista delle amministrative di fine mese, mentre per il momento il voto greco di domenica non sembra creare tensioni. Il Tesoro ha intanto annunciato per domani un concambio in cui offrirà fino a 2 miliardi delCcteu dicembre 2020 in cambio di 5 titoli tra Btp, Ccteu e Cct in scadenza tra il 2016 e il 2018 (news). Ieri intanto, con le riaperture riservate agli specialisti dei Btp 3,7 e 30 anni andati in asta venerdì è stato raggiunto il 78% deltarget di funding previsto per quest’anno.

DATI USA – Sotto stretta osservazione in chiave Fed i numeri provenienti da oltreoceano, tra cui spiccano le vendite al dettaglio di settembre e la produzione industriale di agosto. Per le prime èprevista una crescita congiunturale dello 0,3% dopo lo 0,6% di agosto, mentre la produzione è attesa in contrazione di 0,2% dopo +0,6% di luglio. Una stretta rialzista sul costo del denaro da parte dell’istituto centrale Usa, la prima dal 2006, ègiudicata ancora possibile già questo giovedì, sebbene una simile mossa sia valutata più probabile a dicembre.

GRECIA – In vista delle elezioni di domenica prossima Tsipras e Meimarakis si sono fronteggiati tentando di conquistare gliindecisi, mentre l’ultimo sondaggio dà Syriza Nea Demokratia appaiate al 31,6%. Entrambi hanno escluso la possibilità di allearsi per formare un governo di coalizione dopo il voto e, pur impegnandosi a rispettare i termini del nuovo accordo di bailout sottoscritto con i creditori, si sono detti pronti a lottare per limitare l’impatto delle misure.

DATI GIAPPONE – La fiducia delle imprese manifattutiere ha subìto il deterioramento peggiore da oltre un anno, portandosi ai minimi da8 mesi. E’ quanto emerge dall’indice Tankan, elaborato sulla base di un sondaggio Reuters, che a settembre è sceso a +9 da +17 di agosto. Le aziende prospettano un ulteriore peggioramento a fronte della debolezza della crescita cinese e della domandainterna.

RBA – La fiacchezza dei dati relativi al secondo trimestre non ha sorpreso l’istituto centrale australiano, secondo quanto emerge dai verbali del board del 1° settembre che ha deciso di mantenere invariato il costo del denaro.Alcuni esponenti ravvisano tuttavia segnali di miglioramento negli indicatori di attività economica degli ultimi mesi.

GREGGIO – Quotazioni petrolifere poco variate negli ultimi sprazzi di contrattazioni asiatiche ma il mercato restafragile ed esposto ad ulteriori cali alla luce dei timori legati al rallentamento delle economie emergenti, in un contesto di sovrapproduzione. Alle 7,30 italiane il future Brent <LCOc1> scambia a 46,38 dollari il barile (+ 1 centesimo); il Nymex <CLc1> a 44,23 dollari (+23 centesimi).

FOREX – Yen in rialzo su dollaro ed euro dopo la decisione di Banca del Giappone di mantenere invariato l’attuale programma di stimolo monetario, rimandando la decisione di un suo eventuale ampliamento nonostante i segnali di peggioramento dell’outlook economico. Il dollaro cede a 120,02 da 120,22 yen <JPY=> e l’ euro <EURJPY=> scivola 135,76 da 136,01. L’euro/dollaro <EUR=> tratta a 1,1314 da 1,1318 dell’ultima chiusura.

TREASURIES -Chiusura poco variata per l’obbligazionario statunitense, in un clima di attesa per il verdetto della Fed. Il benchmark decennale <US10YT=RR> ha terminato la seduta in rialzo di 2/32 per un rendimento di 2,17% da 2,18% della chiusura precedente.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, indicatori del lavoro nelle imprese 2° trimestre (10,00).

GERMANIA
Indice Zew settembre (11,00).

GRAN BRETAGNA
Prezzi al consumo agosto (10,30).

Prezzi aldettaglio agosto (10,30).

Prezzi alla produzione agosto (10,30).

ZONA EURO
Variazione occupati 2° trimestre (11,00).

Commercio estero luglio (11,00).

USA
New York Fed manifatturiero settembre(14,30).

Venditeal dettaglio settembre(14,30).

Produzione industriale agosto (15,15).

Capacità utilizzo agosto (15,15).

Produzione manifatturiera agosto (15,15).

Scorte all’industria luglio (16,00).

GIAPPONE
Indice Reuters Tankansettembre (1,30).

ASTE DI TITOLI DI STATO
EUROPA
Spagna, Tesoro offre titoli di Stato a 6 e a 12 mesi.

BANCHE CENTRALI
EUROPA
Zona euro, Nouy interviene a convegno Fma a Vienna (11,15).

AUSTRALIA
Sydney, banca centrale pubblica verbali riunione di settembre (3,30).

ASIA
Giappone, banca centrale termina riunione di politica monetaria, annuncia tassi (4,00).

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, a Commissione AffariCostituzionali Senato prosegue esame riforma Senato (14,30).

Milano, Euromoney “The Italy Conference” con Padoan, I. Visco, Calenda, Chief Economist S&P Jean-Michel Six, Cannata, Pagani, Senior Director Corporate Ratings S&P Renato Panichi, Taddei (8,55).

EUROPA
Dublino, Ocse pubblica ‘Economic Survey of Ireland’ con Gurria, Ministro Finanze irlandese Michael Noonan (11,00).

Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...