MONETARIO – Cosa succede oggi martedì 11 agosto 11/08/2015 – RSF

GRECIA – Dopo trattative durate tutta la notte, annuncia un funzionario del ministero delle Finanze ellenico, sono arrivati finalmente a un’intesa Atene e i creditori internazionali, già giunti ieri sera a un accordo sugli obiettivi di bilancio.Sul mercato è prevalso ieri un generalizzato ottimismo: confortante soprattutto l’ipotesi – prefigurata da un funzionario della zona euro – secondo cui la ricapitalizzazione delle banche possa prendere il via prima dell’esito degli stress test Bce con una tranche iniziale fino a 10 miliardi di euro. (news) Si guarda intanto alla scadenza chiave con il rimborso Bce da 3,5 miliardi del 20 agosto. Sempre di ieri l’annuncio, da parte di un funzionario dell’esecutivo ellenico, che i creditori ipotizzano per quest’anno una contrazione economica tra 2,1% e 2,3% e hanno fissato per Atene un obiettivo di avanzo primario pari a zero. Il totale dei fondi Ela erogati al sistema da Banca di Grecia, sotto l’egida Bce, mostra a fine luglio unaflessione di 1,5 miliardi su giugno a 85,3 miliardi. Di ieri sera l’indiscrezione ‘Handelsblatt’, che cita autorevoli fonti Ue, secondo cui a parere del Fondo monetario internazionale il terzo programma di aiuti alla Grecia potrebbe ammontare a circa90 miliardi, rispetto un’attesa ufficiale fino a 86.

BANCHE – Da Via Nazionale arriva la statistica mensile sulle sofferenze di giugno, a meno di una settimana dalla fiducia del Senato al decreto legge sulle misure per il decumulo deicrediti inesigibili, eredità della recessione e zavorra per il sistema bancario. Pubblicato il mese scorso, il dato di maggio mostrava un nuovo lieve rallentamento nella crescita annua dei cosiddetti ‘non performing loans’, aumentati comunque al ritmo tendenziale di 14,7% a un controvalore complessivo di 193,734 miliardi di euro. Insieme ai numeri sui crediti deteriorati saranno pubblicati, come di consueto, quelli relativi ai depositi e ai finanziamenti al settore privato. Sempre da Bancad’Italia il dato mensile sui titoli di Stato nazionali in portafoglio alle banche operanti in Italia, che risultava a fine maggio dell’importo complessivo di 415,426 miliardi.

DATI GERMANIA – A dominare l’agenda macro l’indice Zew sul morale degli investitori tedeschi ad agosto, una delle prime occasioni per misurare il clima di fiducia dopo l’accordo tra Grecia e creditori internazionali da formalizzarsi entro fine mese. La mediana delle attese raccolte da Reuters prefigura un valore di 32,0 dopo il 29,7 di luglio, mentre sulla voce relativa alle condizioni attuali l’aspettativa è di 64,4 da 63,9 del mese scorso.

VALUTA CINESE – Pechino ha decretato una svalutazione dello yuan pari a quasi 2% nei confronti del dollaro in risposta a una serie di deludenti indicatori macroeconomici, in primo luogo la caduta delle esportazioni di luglio. Lo comunica la banca centrale, fissando per la banda di oscillazione nei confronti del biglietto verde un punto mediodi 6,2298 da 6,1162 ieri e parlando di una svalutazione ‘straordinaria’ prossima al 2%, massima flessione giornaliera nella ‘guidance’ sui cambi.

FOREX – Sul finale della seduta asiatica si accentua la flessione dello yuan, in cadutafino al minimo degli ultimi tre anni su dollaro. La banca centrale cinese ha modificato i termini con cui fissare il ‘punto medio’ di fluttuazione per il cambio. Inatteso, il provvedimento si riflette in una correzione del dollaro australiano e in uno storno di circa lo 0,4% della valuta unica europea. Intorno alle 7,30 euro/dollaro <EUR=> 1,9070/73 da 1,1016 ieri sera in chiusura a New York, dollaro/yen <JPY=> 124,71/76 da 124,61 ed euro/yen <EURJPY=> 136,83/86 da 137,28.

GREGGIO -Quotazioni in leggero ribasso per i contratti sul greggio, reduci dal balzo di quasi il 4% nella sessione di ieri. Il derivato a settembre sul Brent <LCOc1> arretra di 21 centesimi a 50,20 dollari il barile, mentre quello Usa <CLc1> ne perde 32 a44,64 dollari.

TREASURIES – Viaggiano in territorio positivo i governativi Usa, con il decennale di riferimento che guadagna 11/32 e rende 2,1963%.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, dato finale prezzi al consumoluglio (10,00) – attesa dato Nic 0,2% su anno; dato armonizzato su 0,4% anno.

GERMANIA
Prezzi ingrosso luglio (8,00).

Indice Zew fiducia economia agosto (11,00) – attesa 32,0.

USA
Stima costo lavoro trim2 (14,30) -attesa 0,1%.

Stima produttività trim2 (14,30) – attesa 1,6%.

Scorte industria giugno (16,00) – attesa 0,4% su mese.

Vendite industria giugno (16,00) – attesa 0,4% su mese.

ASTE DI TITOLI DI STATO
EUROPA
Gran Bretagna,Tesoro offre 650 milioni sterline Gilt 2058 indicizzati, cedola 0,125%.

USA
Tesoro offre 24 miliardi dollari titoli Stato tre anni, scadenza 15/8/2018.

BANCHE CENTRALI
ITALIA
Banca d’Italia, comunicato sui depositi,impieghi, sofferenze bancarie giugno; comunicato su titoli Stato italiani detenuti da banche operanti in Italia a fine giugno.

Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...