MONETARIO – Cosa succede oggi venerdì 24 luglio 24/07/2015 – RSF

GRECIA, AL VIA NEGOZIATO – Dopo l’approvazione ieri da parte del parlamento greco di un secondo pacchetto di misure di riforma, partono oggi ad Atene i negoziati sul nuovo piano di bailout per il paese tra il governo di Alexis Tsipras e i rappresentanti delle istituzioni creditrici, ovvero Commissione Ue, Bce e Fmi (news). L’obiettivo, come affermato nei giorni scorsi dal commissario europeo Moscovici, è di chiudere la trattativa nella seconda metà di agosto.

APERTURE SU DEBITO GRECIA – Prosegue il dibattito sulla questione dell’alto debito che grava sulla Grecia, con importanti segnali d’apertura che giungono da esponenti tradizionalmente tra i più duri nei confronti di Atene. Se rimane fermal’impossibilità di una ristrutturazione del debito, a parlare invece di un allungamento delle scadenze sono stati ieri i banchieri centrali di Germania e Austria. Weidmann ha spiegato che un’estensione automatica di tre anni delle scadenze potrebbeessere concessa su tutti i titoli di Stato di un paese che faccia richiesta di un programma di assistenza all’Esm (news). Nowotny ha invece parlato della possibilità di concedere nello specifico più tempo alla Grecia per rimborsare il proprio debito, a patto che vengano compiuti passi significativi sulla strada delle riforme (news).

BTP – Seduta positiva quella di ieri per l’obbligazionario italiano che, pur in un mercato dai volumi ormai decisamente estivi, come ilresto della periferia ha beneficiato dell’approvazione delle nuovo pacchetto di riforme da parte del parlamento greco. In chiusura di seduta, complice la frenata della carta tedesca nel pomeriggio, lo spread tra Btp e Bund ha stretto a 120 punti base; il tasso sul benchmark decennale italiano ripartirà stamane da 1,91%, appena qualche centesimo sopra il minimo da fine maggio dell’1,86% visto ad inizio settimana.

TESORO CANCELLA ASTE CTZ LUGLIO, BTP E BTPEI AGOSTO – Il Tesoro haannunciato la cancellazione dell’asta di Ctz del 28 luglio, in calendario per martedì prossimo, e delle aste di Btp del 13 agosto e di Btpei del 26 agosto, “in considerazione dell’ampia disponibilità di cassa e delle ridotte esigenze di finanziamento” (news). Martedì prossimo dunque, nella prima giornata delle aste di fine mese, si terrà solo il collocamento degli indicizzati: in offerta ci saranno fino a 750 milioni di Btpei settembre 2026 (news). Oggi a mercati chiusiarriveranno invece i dettagli dell’asta di Bot semestrali di martedì 19: a fronte di buoni in rientro per 7,7 miliardi, Intesa Sanpaolo prevede un’offerta di 6,75 miliardi.

SPENDING REVIEW – In un’intervista al Sole 24Ore il commissario perla revisione della spesa Yoram Gutgeld conferma l’obiettivo di 10 miliardi per la nuova spending review, che sarà inserita nella Legge di stabilità per il 2016. Come comunicato ieri dal Mef, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha selezionato i 34soggetti, rispetto agli attuali 32.000, che da oggi effettueranno gli acquisti di beni e servizi per la PA.

PMI EUROPA – In mattinata il focus in Europa sarà sulla macroeconomia, con la pubblicazione delle stime flash sui Pmi di lugliodi zona euro, Germania e Francia. Nel complesso i dati dovrebbero confermare – al netto di un eventuale lieve rallentamento – il quadro di un settore privato europeo che continua a marciare su un buon sentiero di crescita, nonostante le recentitensioni sviluppatesi attorno alla vicenda greca. Il Pmi composito della zona euro è stimato in lieve calo in luglio, a 54,0 punti, dopo essere salito il mese precedente a 54,2, il livello più alto da oltre quattro anni (maggio 2011) (news).A proposito di indagini congiunturali, nel pomeriggio arriverà dagli Usa la stima flash sul Pmi manifatturiero di luglio: in questo caso le stime danno un indice invariato ai 53,6 punti di giugno.

PMI CINA – Il settore industriale cinese hasubito in luglio la contrazione più ampia da 15 mesi a questa parte, a causa di una riduzione degli ordinativi che deprime la produzione. La lettura preliminare dell’indice Pmi manifatturiero elaborato da Markit/Caixin è sceso a 48,2 punti dai 49,4 di giugno; le attese erano per un indice in lieve risalita a 49,7. Intanto Pechino, nell’ambito delle misure per il sostegno del commercio estero del paese, ha annunciato la riduzione di alcune imposte sull’import e un’ulteriore liberalizzazione deltrading sullo yuan.

PMI GIAPPONE – Si è invece rafforzata in luglio la crescita del settore manifatturiero giapponese, suggerendo una ripresa dell’economia del paese dopo il rallentamento registrato nel secondo trimestre. La stima flashdell’indice Pmi manifatturiero giapponese è salito a 51,4 punti, il livello più alto da cinque mesi, dai 50,1 di giugno.

FOREX – L’euro si conferma ben impostato sul mercato valutario, ancora sull’onda del voto del parlamento greco, oltre 24 ore fa, sul nuovo pacchetto di riforme preliminari al piano di bailout. Il deludente dato dal settore manifatturiero cinese pesa invece soprattutto sul divise come il dollaro australiano. Alle 7,30 italiane l’euro/dollaro <EUR=> scambia a 1,0975/78da 1,0981 dell’ultima chiusura, poco sotto i massimi da una settimana; euro/yen <EURJPY=> a 136,00/05 da 136,06; dollaro/yen <JPY=> a 123,88/91 da 123,89.

GREGGIO – Lieve rimbalzo stamane per le quotazioni del greggio, dopo la chiusura aiminimi da diversi mesi nella seduta di ieri. La situazione di ampio eccesso d’offerta sul mercato, insieme ai chiari segnali di rallentamento economico cinese, giunti anche stamattina, contribuiscono a mantenere le quotazioni in un territorioribassista: nelle ultime sei settimane i prezzi petroliferi negli Usa si sono ridotti di oltre il 20%. Il future Brent <LCOc1> tratta a 55,45 dollari il barile (+0,18), il Nymex <CLc1> a 48,71 dollari (+0,26):
TREASURIES – Governativi Usa in lieve rialzo nelle contrattazioni asiatiche della mattinata, in scia anche al Pmi manifatturiero inferiore alle attese giunto dalla Cina. Già nella seduta di ieri i Treasury si erano mossi in rialzo, a seguito di una serie di trimestrali societarienon entusiasmanti da Wall Street, con rendimenti lunghi scesi ai minimi da due settimane. Il benchmark decennale Usa <US10YT=RR> avanza di 3/32, rendimento al 2,270%.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, retribuzionicontrattuali giugno (10,00).

FRANCIA
Stima flash Pmi manifatturiero luglio (9,00) – attesa 50,7.

Stima flash Pmi servizi luglio (9,00) – attesa 53,8.

Stima flash Pmi composito luglio (9,00).

GERMANIA
Stima flashPmi manifatturiero luglio (9,30) – attesa 51,9.

Stima flash Pmi servizi luglio (9,30) – attesa 53,9.

Stima flash Pmi composito luglio (9,30).

ZONA EURO
Stima flash Pmi manifatturiero luglio (10,00) – attesa 52,5.

Stima flash Pmi servizi luglio (10,00) – attesa 54,2.

Stima flash Pmi composito luglio (10,00) – attesa 54,0.

USA
Stima flash Pmi manifatturiero luglio (15,45) – attesa 53,6.

Vendita case nuove giugno (16,00) – attesa 0,546 milioni.

ASTE DI TITOLI DI STATO
ITALIA
Tesoro, annuncio quantitativi Bot a 6 mesi, scadenza 29/01/2016 (182 gg), in asta 29 luglio.

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, riunione Consiglio dei ministri (12,00).

Roma, Renzi riceveprimo ministro Egitto Ibrahim Mahlab (13,00).

EUROPA
Atene, atteso inizio negoziazioni per terzo bailout tra governo greco ed rappresentanti Commissione Ue, Bce e Fmi.

Bruxelles, consiglio Ue su bilancio europeo.

Belgio, Fitchsi pronuncia su rating sovrano.

Danimarca, Moody’s si pronuncia su rating sovrano.

Estonia, Moody’s si pronuncia su rating sovrano.

Repubblica Ceca, S&P si pronuncia su rating sovrano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...