MONETARIO – Cosa succede oggi giovedì 23 luglio – 23/07/2015 – RSF

(Aggiunge intervista Delrio a secondo paragrafo)
GRECIA – Con 230 voti su 300 seggi, il Parlamento greco approva il secondo pacchetto misure per il bailout, con Tsipras che è riuscito contenere il fronte dei contrari all’interno di Syrizarispetto al primo voto: sono stati 36 i deputati del partito che si sono espressi contro il pacchetto, al voto della scorsa settimana erano stati 39 (news). Hanno votato a favore, secondo quanto riportano anche le principali testate italiane, anche Yanis Varoufakis e altri quattro appartenenti a Syriza che alla precedente votazione si erano astenuti. L’Eurocommissario Moscovici ha affermato ieri che si punta a chiudere la trattativa tra governo greco e istituzioni creditrici (Commissione, Bce e Fmi) sul piano di bailout, che dovrebbe partire domani ad Atene, nella seconda metà di agosto (news). Ieri intanto la Bce ha alzato di altri 900 milioni di euro il programma Ela a favore delle banche greche, che sale così alla cifracomplessiva di quasi 91 miliardi (news).

DELRIO SU ‘IL MESSAGGERO’ – In un’intervista a ‘Il Messaggero’ Delrio ribadisce l’annuncio di Renzi su una riduzione delle tasse e una riapertura dei cantieri. “Vogliamo spendere tutti i 20miliardi destinati alle infrastrutture”, dice il ministro, sottolineando che far ripartire i cantieri significherebbe aumentare il gettito fiscale, permettendo quindi di ridurre la pressione delle tasse sulla casa.

BTP – Chiusura inpositivo ieri per l’obbligazionario italiano, capace di recuperare parte della flessione subita nella seduta precedente. Dopo un’avvio in rialzo, a metà mattinata è intervenuta qualche vendita in attesa delle aste a medio lungo portoghesi (1,5miliardi complessivi di bond al 2020 e al 2037 (news)); archiviato il collocamento, è tornato a prevalere sui Btp un moderato rialzo, in un mercato che resta comunque povero di volumi. Il tasso sul Btp a 10 anni è ridisceso in chiusura inarea 1,95%, mentre lo spread Italia/Germania è rimasto poco variato a 125 pb. Alcuni analisti sottolineano come alcune trimestrali societarie deludenti giunte dagli Usa insieme alla discesa dei prezzi petroliferi sollevino dubbi sulla possibilità chel’inflazione nella zona euro possa risalire al target della Bce nei tempi previsti.

ANNUNCI ASTE – Sono attesi a mercati chiusi i primi dettagli da parte del Tesoro sui collocamenti di fine mese, con gli annunci sui Ctz e i Btpei in astamartedì 28. È tuttavia possibile secondo gli operatori che il Tesoro decida per una qualche cancellazione. Intesa Sanpaolo prevede la cancellazione dell’asta di Ctz, in quanto – si fa notare – nell’ultimo programma trimestrale il Tesoro non ha incluso la riapertura del titolo in corso d’emissione nel terzo trimestre, mentre il nuovo verrà lanciato solo a fine agosto (per gli indicizzati si prevede invece un’offerta fino a 1 miliardo). Per Unicredit, via XX settembre potrebbe invece optare per lacancellazione delle aste sia di Ctz sia di Btpei di fine luglio (oltre che di quelle a medio lungo di metà agosto).

DECRETO SOFFERENZE – Oggi la Camera vota la fiducia sul decreto legge che contiene, tra l’altro, le misure per la riduzionedelle sofferenze bancarie, che puntano a stimolare il mercato dei crediti deteriorati, pressoché inesistente in Italia. Dopo il via libera definitivo di Montecitorio, atteso domani, il provvedimento passerà in Senato, prima dell’inizio della pausaestiva. Ieri intanto Padoan ha difeso il piano di riduzione delle imposte annunciato dal governo, affermando che detassare la prima casa è necessario per sostenere il settore edile, tra i più colpiti dalla recessione. Sulla questione il ministro haparlato di comunanza di vedute all’interno del governo, spiegando che in caso contrario si sarebbe dimesso (news).

DATI – Sarà una mattinata povera di dati economici di rilievo dall’Europa, mentre nel pomeriggio, tra i dati inarrivo dagli Usa, ci sarà l’aggiornamento settimanale sulle richieste di sussidi di disoccupazione. Le stime indicano 280.000 nuove richieste nell’ultima settimana, praticamente in linea con le 281.000 di quella precedente. Sul fronte Fed sembranointanto consolidarsi le aspettative di un rialzo dei tassi già nel meeting di settembre: nei giorni scorsi il presidente della Fed di St. Louis Bullard ha attribuito una probabilità superiore al 50% ad un intervento in settembre, a fronte diun’inflazione indirizzata verso il target e di un tasso di disoccupazione in discesa sotto il 5%.

BILANCIA COMMERCIALE GIAPPONE – La bilancia commerciale giapponese in giugno è stata negativa per 69,0 miliardi di yen, a fronte di attese di un saldo positivo per 5,4 miliardi. Secondo il ministero delle Finanze, l’export ha registrato un rialzo del 9,5% su anno contro attese per il 10%.

TASSI NUOVA ZELANDA – L’istituto centrale di Wellington ha tagliato i tassi di riferimento di 25 punti base al 3,0%, sottolineando la probabilità di ulteriori allentamenti monetari a causa di prospettive più deboli per l’economia e per l’inflazione. Una mossa che non sorprende gli economisti, la maggior parte dei quali si aspetta un altro taglio prima della fine dell’anno. Alcuni analisti si attendevano anzi un taglio maggiore.

FOREX – Dopo aver toccato il minimo della settimana contro lo yen a 123,57, il dollaro vi si muove al di sopra, mentre l’euro continua a muoversi in area1,09 dollari dopo aver toccato lunedì il minimo dei tre mesi a 1,0808 dollari. Attorno alle 7,30 l’euro vale 1,0935/37 <EUR=> da una chiusura a 1,0933, e 135,65/68 yen <JPY=> da 135,44. Il dollaro/yen <JPY=> si attesta invece a 124,06/11 da 123,94.L’indice del dollaro quota 97,393 coun calo dello 0,21%

GREGGIO – Prezzi del greggio poco variati, con le quotazioni del greggio leggero Usa che si mantengono al di sotto dei 50 dollari, vicino al minimo di oltre 3 mesi, dopo uninatteso rialzo delle scorte. Attorno alle 7,30, il future a settembre sul Brent <LCOc1> cede 2 centesimi a 56,11 dollari al barile, mentre la scadenza ad agosto sul greggio leggero Usa <CLc1> cede 13 centesimi a 49,32 dollari al barile.

TREASURIES – La curva dei rendimenti Usa si appiattisce sull’attesa di un rialzo dei tassi da parted ella Fed. I tassi di 10 e 30 anni hanno toccato i minimi di quasi due settimane. Ieri in chiusura, il decennale di riferimento <US10YT=RR> guadagnava4/32 per un rendimento a 2,33% dal 2,34% della chiusura di martedì.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, stima preliminare commercio estero extra Ue giugno (10,00).

Reuters, sondaggio trimestrale sull’economia italiana (14,20).

GRAN BRETAGNA
Vendite al dettaglio giugno (10,30) – attesa 0,3% m/m; 4,9% a/a.

SPAGNA
Tasso disoccupazione 2° trimestre (9,00) – attesa 23,10%.

ZONA EURO
Stima flash fiducia consumatori luglio(16,00) – attesa -5,68.

Deficit pubblico 1° trimestre.

USA
Nuove richieste settimanali sussidi di disoccupazione (14,30) – attesa 280.000.

Indice attività nazionale giugno (14,30).

Leading indicator giugno (16,00) – attesa 0,2% m/m.

ASTE DI TITOLI DI STATO
ITALIA
Tesoro, annuncio quantitativi Ctz e Btpei in asta 28 luglio.

BANCHE CENTRALI
EUROPA
Zona euro, intervento Weidmann a convegno su integrazione mercato finanziario aFrancoforte (16,45).

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, Camera vota fiducia su decreto sofferenze e Ilva.

Milano, Expo, riunione annuale Business Council italo-egiziano; conferenza stampa con primo ministro egiziano Ibrahim Mahlab, F.Guidi, Vice Presidente Esecutivo CdG Intesa Sanpaolo Marcello Sala (14,00).

EUROPA
Sofia (Bulgaria), Mogherini partecipa a forum su nazioni affacciate al Mar Baltico e politica di sicurezza Ue a seguito tensioni Russia-Ucraina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...